"...E' un aspetto, questo, dello strano mestiere di cronista che non cessa di affascinarmi e al tempo stesso di inquietarmi: i fatti non registrati non esistono. Quanti massacri, quanti terremoti avvengono nel mondo, quante navi affondano, quanti vulcani esplodono e quanta gente viene perseguitata, torturata e uccisa! Eppure se non c'è qualcuno che raccoglie una testimonianza, che ne scrive, qualcuno che fa una foto, che ne lascia traccia in un libro è come se questi fatti non fossero mai avvenuti! Sofferenze senza conseguenze, senza storia. Perché la storia esiste solo se qualcuno la racconta. E' una triste constatazione; ma è così ed è forse proprio questa idea - l'idea che con ogni piccola descrizione di una cosa vista si può lasciare un seme nel terreno della memoria - a legarmi alla mia professione..."    (Tratto da: "Un indovino mi disse" di T. Terzani).

attualmente in edicola
I colori dell'Altopiano

REGOLAMENTO

1. Il Giornale l’Altopiano organizza in collaborazione con Grafica Altopiano e il gruppo Flickr Altopiano di Asiago  il 2° concorso fotografico dal nome “I Colori dell’Altopiano” dedicato alle immagini del nostro territorio nelle quattro stagioni.

2. Il concorso è aperto a tutti, la partecipazione è gratuita, avrà durata da Sabato 10 Gennaio 2009 a Lunedì 21 dicembre 2009.

3. Le fotografie partecipanti al concorso dovranno riportare: titolo, nome del fotografo, luogo e data dello scatto.

4. Le fotografie  dovranno essere inviate esclusivamente via Internet all’indirizzo:   
icoloridellaltopiano@gmail.com

5. Le fotografie inviate dovranno essere in formato JPEG.

6. Ogni partecipante potrà inviare un massimo di 3 fotografie per ogni categoria del concorso. (Inverno – Primavera – Estate – Autunno).

7. Le fotografie digitali verranno pubblicate nel giornale l’Altopiano solo dopo essere state esaminate e approvate dalla commissione.

8. Le foto dovranno essere inedite, e non aver partecipato ad altri concorsi fotografici.

9. All’interno del concorso è istituito il “Premio speciale Patrizio Rigoni” riservato agli autori residenti nei Comuni dell’Altopiano. L’assegnazione del premio sarà stabilita in base al numero di preferenze ottenute attraverso la procedura di votazione della commissione.

10. La commissione si riserva il diritto di non visualizzare nel sito e nel giornale, le fotografie che riterrà non opportuno esporre per qualsivoglia motivo.

11. Ogni partecipante dichiara di essere autore delle fotografie presentate in concorso, di essere titolare dei diritti sulle stesse e responsabile del contenuto. Ogni partecipante autorizza la pubblicazione, sia in rete sia su giornali o altri mezzi in occasione di particolari eventi, sollevando il giornale l’Altopiano da ogni responsabilità, e condivide con il giornale l’Altopiano i diritti di utilizzazione commerciale delle fotografie.

12. La giuria è composta da:
- Stefania Longhini, Direttore Giornale l’Altopiano
- Davide Degiampietro, Grafica Altopiano 
-  Lorenzo Degiampietro, Gruppo Flickr Altopiano di Asiago
- Andrea Bergamaschi, Fotografo
- Paolo Cogo, Fotografo
- Fabrizio Favaro Responsabile Grafico l’Altopiano


13. Il giudizio della giuria è insindacabile ed inappellabile. La partecipazione al concorso implica l’accettazione del presente regolamento.

14. le opere riguardanti le stagioni dovranno pervenire entro e non oltre le seguenti date:
INVERNO – entro il 21 marzo 2009
PRIMAVERA -  entro il 21 giugno 2009
ESTATE – entro il 21 settembre 2009
AUTUNNO – entro il 21 dicembre 2009

 

Immagini allegate
Clicca per vedere l'ingrandimento della foto
Concorso fotografico "I colori dell'Altopiano"
Home page
Archivio
Immagini
Links
Contattaci

La parola ai lettori
Gli angoli nascosti dell'Altopiano
I colori dell'Altopiano
L'editoriale
L’Altopiano e “L’Altopiano”. Un territorio, il suo giornale.
La redazione
My Altopiano
Rubriche
C'era una volta in Altopiano...
Altopiano Evergreen
Credits


PARTNER UFFICIALI

 
 
 

 

cookies policy
The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.