"...E' un aspetto, questo, dello strano mestiere di cronista che non cessa di affascinarmi e al tempo stesso di inquietarmi: i fatti non registrati non esistono. Quanti massacri, quanti terremoti avvengono nel mondo, quante navi affondano, quanti vulcani esplodono e quanta gente viene perseguitata, torturata e uccisa! Eppure se non c'è qualcuno che raccoglie una testimonianza, che ne scrive, qualcuno che fa una foto, che ne lascia traccia in un libro è come se questi fatti non fossero mai avvenuti! Sofferenze senza conseguenze, senza storia. Perché la storia esiste solo se qualcuno la racconta. E' una triste constatazione; ma è così ed è forse proprio questa idea - l'idea che con ogni piccola descrizione di una cosa vista si può lasciare un seme nel terreno della memoria - a legarmi alla mia professione..."    (Tratto da: "Un indovino mi disse" di T. Terzani).

attualmente in edicola
[23-11-2015] » lista news

 Il nuovo numero del nostro quindicinale tratta soprattutto di sviluppo economico, turistico e strutturale dei nostri paesi e del nostro Altopiano.

 

Il punto sul progetto di ammodernamento delle Melette, quello sulla costruzione del nuovo ospedale, ma anche sulla realizzazione della ciclopedonale Folgaria- Gallio, nonché la discussione, sempre molto accesa, sulla pedonalizzazione e sui progetti di valorizzazione del centro di Asiago, sono tra i principali argomenti.

Ma si parla anche delle prospettive future di un’area di grande interesse culturale per tutto l’Altopiano qual è l’archeopercorso del Bostel con il muso archeologico di Castelletto che resteranno chiusi per almeno un anno per poi, si spera, ripartire con il lancio definitivo. La famiglia Bressan, che ha gestito il parco archeologico per anni, ha lasciato Rotzo con tanta amarezza e accusa “Ci sentiamo sfrattati; dall’amministrazione nessun supporto”. Pronta la replica del sindaco “Per il Bostel e per loro abbiamo fatto più di quel che si poteva”.

Si parla poi delle azioni di promozione del Formaggio Asiago Dop all’estero, soprattutto verso i mercati di Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Austria. Sergio Bonato ci propone il racconto di un emozionante incontro con il Papa Emerito Joseph Ratzinger in Vaticano. Giorgio Spiller, in un interessante articolo, ci racconta la Val Gadena ieri e oggi. 

Ampia come sempre la carrellata sportiva. Ricche di spunti le pagine dei lettori che si aprono con la lettera del professor Giovanni Lorenzi con la quale si mette in luce la qualità di una scuola, il nostro Liceo, troppo spesso oggetto di critiche. Ovviamente c’è anche dell’altro nel nostro giornale… Leggetelo e sostenetelo. 

Home page
Archivio
Immagini
Links
Contattaci

La parola ai lettori
Gli angoli nascosti dell'Altopiano
I colori dell'Altopiano
L'editoriale
L’Altopiano e “L’Altopiano”. Un territorio, il suo giornale.
La redazione
My Altopiano
Rubriche
C'era una volta in Altopiano...
Altopiano Evergreen
Credits


PARTNER UFFICIALI

 
 
 

 

cookies policy
The watch market already had its Rolls Royce and Aston Martin in the form of rolex replica Patek Philippe and Jaeger-LeCoultre, what it needed was a Volkswagen, a hearty, reliable product for the masses, and replica watches that's what Wilsdorf provided. His dream was to make a watch that was the ultimate in rugged usability, something that looked good and could be worn by real people doing real jobs without fear of damage. But there was one element standing is rolex replica his way: water. Even as invisible humidity, water was the nemesis of a mechanical watch, finding its way into every nook and cranny and eating away at the delicate innards. So when Wilsdorf gave his 'Oyster' watch to Mercedes Gleitz for her to wear replica watches uk while she swam the English Channel, eyebrows were raised. Thanks to the hermetically rolex replica sale sealed case - screwed down at the front, back and crown - the watch performed without a hitch.